Everybody wanted to rule metric modulations!

Si è vero, come un pecorone mi sono accodato al gregge dei fulminati che in tutto il mondo hanno deciso di cimentarsi nella sfida di devastare questo celeberrimo brano dei Tears For Fears!

Se volete sapere cosa accade e perchè si crea l’effetto di “stortura ritmica”, scrivetemi. Si, manco da un pò. Stavo lavorando per voi 😉

ISCRIVITI al mio canale YOUTUBE e clicca sulla CAMPANELLA per rimanere aggiornato sulla mia attività.

La Cura (F. Battiato)/Sharing Breath Orchestra #sharingbreath #nottedeirespiri

La Sharing Breath Orchestra diretta dal M° Marco Sabiu esegue La Cura di Franco Battiato, nella cornice Not(t)e dei Respiri, Forlì 05 Settembre 2020.

ISCRIVITI al mio canale YOUTUBE e clicca sulla CAMPANELLA!

Vuoi che suoni la batteria sui tuoi brani? Guarda qui: https://www.fiverr.com/users/mrfabioromani/seller_dashboard

COME CREO una parte di BATTERIA #tompetty #youdontknowhowitfeels

In questo video ti mostro come procedo quando devo ideare una parte di batteria da inserire in un brano. La base che ho utilizzato non è una drumless track (canzone senza la traccia di batteria), ma si tratta di un brano di Tom Petty dal titolo You Don’t Know How It Feels in una versione casalinga, del formidabile musicista americano purtroppo scomparso prematuramente.

ISCRIVITI al mio canale YouTube e clicca sulla CAMPANELLA. Lascia un commento a questo video!

Ho suonato SHANA WANA (SUB) con il M°BINI #shanawana #maestrobini #lavitainsaletta

Mi sono assunto il pericolosissimo rischio di rovinare un brano già ottimo cosi com’era stato prodotto. Alla fine, ha prevalso l’urgenza di “dire la mia” su Shana Wana (con sottotitoli), brano imprescindibile della discografia del Maestro Domenico Bini, compositore e chitarrista heavy metal.

KING WAH al posto di Stalingrado

Qualche anno fa ho avuto il piacere di essere invitato a suonare alcuni brani tratti da un disco meraviglioso, Tradizione Elettrica di Luca Faggella e Giorgio Baldi. Per me, tra i 5 dischi italiani più belli di sempre. King Wah è il brano verso cui avverto più intimità, perchè da sempre sono dalla parte dei randagi. Ho voluto rimanere più fedele possibile all’interpretazione del talentuoso Youssef Stalingrado. La sua firma nel brano è la frase di accompagnamento con hi-hat, un giro melodico di 8 misure anticonvenzionale, che dona al pezzo un incedere imprevedibile.

ISCRIVITI al mio canale YouTube e CLICCA SULLA CAMPANELLINA per nuove notifiche!

A few years ago I had the pleasure of being invited to play some songs from a wonderful album, Tradizione Elettrica by Luca Faggella and Giorgio Baldi. For me, among the 5 most beautiful Italian records ever. King Wah is the song to which I feel the most intimacy, because I have always been on the side of outcasts. I wanted to remain as faithful as possible to the interpretation of the talented Youssef Stalingrado. His signature in the piece is the accompanying phrase with hi-hat, a melodic turn of 8 unconventional measures, which gives the piece an unpredictable pace.

SUBSCRIBE to my YouTube channel and CLICK THE BELL for updatings.